Una piccola storia sulla Agenzia delle Entrate

Agenzia delle entrate fatta #igersfvg #igersit...
Agenzia delle entrate fatta #igersfvg #igersitalia #instafriuli (Photo credit: brixton21)

Curiosamente tutte le volte che devo parlare dell’italia all’estero vengono sempre fuori episodi dove noi italiani non facciamo proprio una gran bella figura. Non che la cosa mi stupisca particolarmente, ad onor del vero, sparare contro  l’I

talia è cme sparare contro la croce rossa, facciamo di tutto per farci notare per le peggio cose.

Ma ultimamente mi hanno raccontato una storia che, se fosse vera, è realmente disturbante ma esemplific in maniera chiara il ruolo che ha assunto il nostro stato nei confronti degli altri: vessatorio, intimidatorio e riccattatore.

La storia che mi hanno raccontato fa riferimento al comportamento che la nostrana Agenzia delle Entrate ha avuto nei confronti di una ditta estera, non posso citare nomi e cognomi perchè non li conosco e quindi lascio alla storia il ruolo che ha, un sentito dire senza poter comprovare le cose, il problema non è tanto che sia vera quanto che sia, purtroppo, verosimile.

La storia inizia nella Repubblica di San Marino, che come si sà è territorio sovrano, nonchè la più antica repubblica del mondo. ebbene mi raccontano di una ditta di tale repubblica che si occupa di commerciare e rivendere beni provenienti dagli stati uniti in europa. data la dimensione della repubblica di san marino è ovvio pensare che la maggior parte delle vendite avvenisse all’estero ed, in particolare, molte fossero fatte sul territorio italiano, se non altro per vicinanza geografica e linguistica.

Ora nell’annoso intento da parte del governo Italiano della agenzia delle entrate di recuperare fondi questa azienda viene portata in giudizio con l’accusa di evasione di IVA ed eterovestizione. Si parla di eterovestizione quando una azienda italiana mette in piedi una azienda “fasulla” in un territorio a bassa fiscalità per non pagare le tasse sul suolo nazionale.

Il problema è che la ditta in questione era interamente San Marinese, proprietà e struttura, e nulla aveva sul territorio italiano. Gli accordi tra le due nazioni sovrane consentono alle ditte italiane divendere merci a San Marino e alle ditte di San Marino di vendere merci in Italia, rispettando le rispettive fiscalità.

Per far breve l’interessante racconto che mi hanno riportato lo stato italiano, attraverso l’Agenzia delle Entrate, entra in contenzioso con questa azienda e gli presenta una multa da, se ricordo bene 50 milioni di euro. Ora ovviamente la ditta in questione si appella e presenta in giudizio contestando i reati. Il probelma che si pone davanti alla Agenzia delle Entrate è che per commettere il reato la azienda di San Marino doveva avere legami sul territorio italiano, ma ne propietà ne beni, neppure un rappresentante, erano riconducibili all’italia, quindi i reati ascritti erano, nei fatti, privi di fondamento.

Il risultato è che la nostra AdE ammette di non avere elementi probanti la accusa e quindi propone un accordo…?!? er un accordo? ma se non hanno prove ed hanno sbagliato che accordo ci può essere, mi chiederete voi. Ebbene l’accordo è: o voi vi dicharate colpevoli per una cifra minore (5 milioni comprese le ammende e le spese) oppure andiamo in giudizio, considerate che ci vogliono mediamente 10 anni per risolvere la questione e nel frattempo noi bloccheremmo le vostre merci alla dogana.

In altre parole pur ammettendo di essere in torto, la AdE si macchia di una estorsione bella e buona nei confronti di un soggetto che non è italiano, pur di uscirne in qualche modo con un introito.

Francamente la cosa non mi stupisce, molti di coloro che passano attraverso le forche caudine di Equitalia o la Agenzia delle entrate riconosceranno in questo meccanismo di comportamento qualcosa della loro storia. Io per primo.

Ripeto non so se la storia che mi hanno raccontato è vera, il problema è che la trovo verosimile e, cosa peggiore, non mi scandalizza più di tanto. Ma mi lascia in bocca quel sapore amaro di un paese che va allo sfascio senza dignità e rispetto.

Mi chiedo se quei dirigenti della Agenzia delle Entrate o di Equitalia che approvano provvedimenti che sanno benissimo andranno a tagliare le gambe a disoccupati, imprenditori e persone in difficoltà, coprendosi dietro regolamenti che non gli impediscono di fare la cosa giusta ma che gli chiedono resposabilità che non si vogliono prendere, vanno a letto tranquilli sentendo di avere fatto il loro dovere.

Ma chiedere etica, morale e rispetto a certi individui non sembra essere di moda no?

 

sigh

 

 

Antonio Ieranò
CSO, Cyber Security Architect, technical evangelist, consultant, writer, journalist and trainer
I am a Security Manager and architect, CSO, BDM, marketing specialist, and tech evangelist with over 20 years of experience serving as a community liaison, subject matter expert, and high-profile trainer for key technologies and solutions. My experience includes acting as the public face of Huawei technology and before Cisco security technologies; leading pan-European technical teams in development of new Cisco security products; and serving as a key public speaker and trainer on behalf of new high-tech products. My expertise spans IT development and implementation, marketing strategy, legal issues, and budget / financial management.

Specialties and Executive Expertise
IT Strategy, Technical Audits, Enterprise Architecture & Applications, Technical Sales Liaison, Solution Architecture, Network Design, Architecture, & Security, Vulnerability Assessment & Management, Systems Engineering, Data Privacy, Cloud Computing, Marketing Strategy, Budget Management, Social Media Marketing, High-Impact Presentations,incident handling, Forensics, Italian companies, Authentication, Infrastructure security, Security manager, Security issues, Attacks, Security infrastructure, Data encryption

Security and Technical Advisoring
Project Management
Business Development and Marketing

To the official site of Related Posts via Taxonomies.

CC BY-NC-SA 4.0 Una piccola storia sulla Agenzia delle Entrate by The Puchi Herald Magazine is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License.